E’ una chiesa antichissima (1000/1050 d.C.), un tipico esempio di chiesa castrense, cioè sorta internamente a un castello. Possiede una buona illuminazione grazie alle tre monofore dell’abside e alla piccola monofora aperta nella parete di fondo. L’abside romanica semicircolare reca a fianco un portale in pietra simona del ‘500, come il campanile di stile romanico, che appoggia su sulla trabeazione dell’abside.
All’interno ci sono alcuni affreschi interessanti, come quello del “Pantocrator tra i simboli degli Evangelisti” affresco di grande forza espressiva che richiama l’arte di Michelino da Besozzo.